venerdì 27 marzo 2009

La ciofeca di Natale

Eccomi la cronaca di una delle mie ciofeche, con la quale partecipo al Ciofeca's Day DISASTER AWARD

Bannerino_Disaster_Award

Naturalmente, seguendo la legge di Murphy, quale migliore occasione del pranzo di Natale?

Antefatto: la vigilia di Natale ho preparato Il Ciambellone di Natale per la cena con i miei suoceri: perfetto, accompagnato con la Crema di Mascarpone.

Decido che la mattina dopo l’avrei fatto per il pranzo di Natale, con tutto il parentado, che si tiene per tradizione a casa dei miei genitori.

Pur sapendo che la lievitazione è più lunga, visto il risultato del giorno precedente, ho deciso di utilizzare al pasta madre.

Quindi, mi alzo presto, impasto tutto e metto a lievitare.

Ore 12.00 sto per andare dalla mamma… e la lievitazione procede lentissima…non posso cuocerla prima di andare…

… porto con me il tutto nello stampo, finirà di lievitare in loco.

Ore 15.00, a differenza del giorno prima, l’impasto è un bradipo… poco male abbiamo mangiato così tanto…lo utilizzeremo come dolce la sera…

Ore 18.30 finalmente è lievitato a puntino, scaldo il forno della mamma (che non usa praticamente mai, visto che ne ha un altro a gas), 180 gradi. Inforno, metto il timer a 30 minuti.

Ed ecco il tragico errore: decidiamo di dare gli ultimi regali ai bambini! Mi trasferisco in sala e mi godo lo spettacolo di 5 pesti infervorate ad aprire pacchetti su pacchetti…. e sento uno strano odore di torta provenire dalla cucina… guardo l’orologio… stano sono passati solo 15 minuti… ancora un attimo e vado a vedere.

L’odore cambia, assumendo quello caratteristico di “bruciaticcio”…mi precipito in cucina e guardo nel forno… a prima vista sembra tutto ok, apro il forno e …. ORRORE… sul davanti la ciambella è perfetta… la parte posteriore è CARBONIZZATA !

Nel frattempo la cucina si è riempita di fumo.

Spengo il forno, estraggo il “dolce” ….. mi viene da piangere!

Il parentado si avvicina…. e incoraggiante dice “…ma dai, magari un po’ si riesce a recuperare".

Così, dopo cena, tutti si sono offerti di assaggiare la metà non carbonizzata…. devo dire che, a parte dover comunque grattare via un po’ di crosta bruciata… la ciambella si è lasciata mangiare.

8 commenti:

MANUELA ha detto...

bhe' dai almeno metà l'hai recuperata ;)
Bacioni ebuon fine settimana!

Geillis ha detto...

ti capisco, io riesco a fare i peggiori disastri quando ci sono ospiti, mi vengono male addirittura le patate al forno: credo si chiami ansia da prestazione
;-)

77mele ha detto...

anch'io combino tanti di quei disastri ^__^.....
Baci e buon WE

polpettina ha detto...

Tutto sommato poteva andare peggio,il lato positivo è che adesso puoi riderci sopra e partecipare al ciofeca's day

Aiuolik ha detto...

Meno male che almeno l'avete mangiata ;-) Però avresti dovuto farle una foto :-)))

Cuoche dell'altro mondo ha detto...

Grazie mille per aver partecipato!! Leggerò tutti i racconti a fine concorso.
Ciao
Alex

LaFRA ha detto...

Il forno è uno di quegli alleati in cucina che ti fa tremare al solo pensiero che si possa rompere e debba essere sostituito! Io ho notato che con il mio forno posso stare quasi tranquilla su tutto, ma appena cambio e mi tocca usarne uno non mio vado in panico, sicura che non mi riuscirà bene la ricetta! E il problema è che il più delle volte ho ragione!
Ciao!
Fra

Ross ha detto...

Carissima, come ti capisco. Anche io ho dovuto buttare via una pastiera, due anni fa, per colpa della ricetta scritta male... ma questo lo racconterò prossimamente. Meno male che almeno un po' siete riusciti a mangiarla... Un bacione e buona serata.

LinkWithin

LinkWithin Related Stories Widget for Blogs